Crea sito

La chiusura di Filecrop, ingiusta.

Posted By Campajola Mariano on Lug 6, 2014 | 2 comments


Premessa

Salve internauti, trattiamo di un argomento che mette in evidenza l’ingiustizia. Oggi trattiamo della pirateria e della chiusura ( anche solo momentanea ), di alcuni siti web che offrono ( scusate, offrivano ) spazio web gratis: caricare immagini, musica, video e altri files …

Antipirateria informaticaSECONDO UN RAGIONAMENTO RAZIONALE

Chiedo a tutti voi che leggete di lasciare un commento, per capire e far capire se ho ragione.
Se io metto a disposizione un sito web che ci permette di caricare files, l’ho fatto perché voglio che le persone conservino i loro file in modo sicuro.
Se, invece, un utente caricasse contenuti quali: film copiati, musica e o giochi craccati (modificati per funzionare senza acquistarli ), la colpa di chi sarebbe? Dell’amministratore, che con tutte le sue forze faceva segnalare questi file, fallendo parecchie volte; oppure dell’utente, che rende il sito un vero e proprio sacco ripieno di contenuti pirata?

Be’, secondo il mio modestissimo parere, è colpa e responsabilità dell’utente. Dunque, non dovrebbero essere puniti i fornitori del servizio ( creato inizialmente con intenti innocui ) ma gli utenti, attraverso i registri del database del sito, dove tra l’altro è facilissimo individuare questi utenti attraverso l’IP.

Un esempio è il famosissimo MEGAUPLOAD.

Megaupload, tanta roba insomma! :'D

L’ultimo logo di megaupload.

 

 

 

 

 

 

 

Adesso parliamo dell’ingiustizia della legge, Filecrop.

Finalmente siamo giunti al punto, a ciò che voglio dirvi… Innanzitutto voglio precisare che la mia è solo un’opinione, non accuso nessuno e non incito nessuno a farlo.

Un sito web molto diverso da quelli che facevano caricare e scaricare files pirata, era FileCrop. Diverso perché non era un sito che permetteva di caricare files, dunque privo di contenuti multimediali, files scaricabili direttamente da lì, privo di files pirati. Era semplicemente un motore di ricerca, specializzato nel trovare files in tutti i siti che permettevano caricamenti di files.

In sintesi ( scusate se uso il grassetto a quantità industriale, è per farvi concentrare su delle parti specifiche 😀 ), non solo non è colpevole di ” ospitare ” files pirati, ma non è nemmeno stato premiato per la tecnologia che aveva. Cioè cercare files in tutto il mondo, in tutti i siti che li conservava non è cosa da piccolo amministratore di un sito web. Poi poteva essere un ottimo strumento per catturare proprio tutti quegli utenti che pubblicavano files pirati.

Un’ultima cosa, visitando il sito in questione, Filecrop, si notano un sacco di pubblicità sotto all’avviso che il sito è sotto indagine per motivi di pirateria. Questo mi fa pensare che bloccare questi siti, anche se innocenti, fa accumulare un bel po’ di soldi… E quando ci sono troppi soldi in mezzo… La giustizia viene dimenticata.

Ora vi prego di lasciare un commento e di spiegarmi come la pensate… Grazie della lettura internauti ! 😉

2 Comments

  1. Hai ragione, nel mondo dovremmo cambiare un po’ i concetti di piratismo informatico… O, almeno, provare a capire qual è quello vero. La domanda che riassume tutto, secondo un esempio, è: possiamo dare la colpa al proprietario di un’azienda dove chi ci lavora non segue le regole?
    La risposta logica sarebbe ” No “; ma siamo in un mondo che la logica, a volte, la dimentica per leggi emanate tanto ma tanto tempo fa… Se continuiamo a basarci sulle leggi vecchie e ad non aggiornarle regrediremo e non innoveremo… Non miglioreremo, ma soprattutto non avremo giustizia. Questo è ciò di cui ho paura, di cui tutti dovrebbero avere paura e passare all’azione per cambiare le cose. Cordiali saluti, Marco 🙂

    PS: Ottimo articolo! 😀

    Post a Reply
    • Certo, il tuo è un pensiero giusto, se tutti la pensassero come te il mondo potrebbe essere un posto migliore… Almeno credo, poi si vedrà con il passare del tempo. Grazie del commento, Marco. 🙂

      Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.