Crea sito

L’immortalità è possibile? O fantascienza?

Posted By Campajola Mariano on Giu 18, 2019 | 0 comments


Immortalità

L’immortalità è possibile? Be’ basta far fermare il cuore o un colpo secco al cervello ed è finita ma se corpi esterni non influenzassero la nostra vita… l’immortalità sarebbe possibile?
Be’, definiamo prima cosa intendo con “immortalità” per bene.

Come accennato intendo “immortalità” dove nessuno interferisce con la nostra vita, un’immortalità biologica. Ad esempio, moriremmo comunque con colpi di pistola ma non moriremmo se ce ne stessimo soli soletti in campagna senza che nessuno disturbi in maniera violenta la nostra vita. Definita la mia idea di immortalità, continuiamo.

Turritopsis nutricola

Una medusa particolarmente abile a non morire. Al posto di invecchiare diventa giovane, scampando alla morte.

Oggi è possibile cambiare sesso (Vaginoplastica, Metodioplastica), ricevere e donare organi, è possibile manipolare il nostro corpo per aggiornarlo casomai ci fosse qualche difetto; tutto, però è sempre fatto per motivi di etica e o denaro e non per ragioni di ricerca scientifica. Ma è possibile ragionare in termini di invecchiamento? Gli organi che ci compongono invecchiano col tempo e iniziano a dare i problemi che, prima o poi, ci portano a quella che è la morte naturale (vedi discussione). Poniamo un esempio: un uomo atletico vive fino a 80 anni ma il cuore invecchia e, ad un certo punto, il cuore non regge lo sforzo e bam! Attacco cardiaco. Ora la domanda è: e se avesse avuto un cuore nuovo? Questo era un esempio, tuttavia possiamo fare ragionamenti simili su altri organi che si possono ricevere con un trapianto. Quindi, mettendola su questo punto, sì, l’immortalità è teoricamente possibile. Dobbiamo sempre escludere malattie provenienti da corpi estranei o malattie genetiche non curabili attualmente.


Note extra:
Organi di cui si può fare a meno VEDI;
Organi disponibili per il trapianto VEDI;


Il cervello

Ci sarebbe un’eccezione per quanto riguarda gli organi trapiantabili, in effetti, senza cervello tutto il resto non funziona. Ci sono tante discussioni in merito, da quando hanno effettuato un trapianto di cervello (clicca per approfondire) e qui è spiegato perché ancora non sia ancora possibile farlo con successo avendo un soggetto in vita. È nota la condizione che riguarda l’invecchiamento del cervello umano, esso perde alcuni neuroni e la capacità di generarne nuovi rallenta notevolmente poiché il sangue non circola più nella maniera giusta e perdendo ossigeno si perde energia, la conseguenza è la degenerazione del cervello stesso (perde di volume, inoltre).

E se ora ti stai chiedendo se è possibile vivere senza cervello, la risposta è no. Almeno una parte del cervello deve esserci per consentire all’essere umano la vita e, quindi, si conclude avendo appreso che il cervello è fondamentale per vivere, in questo contesto, per un’ipotetica immortalità. Finisco col dire che io credo che siamo ancora lontani da raggiungere un traguardo simile, tuttavia facendo questi ragionamenti capisco che forse la tecnologia e il metodo dedotto solo per logica ci siano e dunque sì, affermo che credo nell’immortalità fisiologica; il tutto è da ampliare in un discorso più filosofico sul chi diventeremmo essendo immortali? Saremmo sempre noi stessi? Il nostro tempo arriverà comunque, in un modo o nell’altro? Be’ questo non lo sapremo fino a quando non lo vivremo. Grazie per la lettura e se avete qualche pensiero personale o semplicemente vi va, lasciate un commento! 🙂

 

PS: Vi invito a leggere della Turritopsis nutricola, la medusa immortale.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.